Menu
Le gite scolastiche, che spettacolo !

Al Museo dell'Aeronautica "Gianni Caproni" di Trento, in viaggio nella storia del volo In evidenza

Al Museo dell'Aeronautica "Gianni Caproni" di Trento, in viaggio nella storia del volo

"GRAZIE !" AL MUSEO DELL'AERONAUTICA GIANNI CAPRONI

Il Museo dell'Aeronautica "Gianni Caproni" di Trento è stato inaugurato nel 1992 con l’esposizione di diciassette velivoli storici su una superficie di oltre 1.400 mq. La struttura traeva origine dal museo fondato nel 1929 da Gianni Caproni, pioniere dell’aviazione e industriale in collaborazione con la moglie, contessa Timina Caproni Guasti, per conservare la memoria dell’azienda e dell’aviazione italiana. Grazie all'intuizione dei fondatori, alla dedizione dei figli, e all'impegno della Provincia Autonoma di Trento, il “Museo Caproni aeronautica scienza e innovazione” è oggi una delle maggiori istituzioni aeronautiche mondiali, con un ruolo importante nella ricerca storica sull'aviazione e gli ambiti a essa connessi. Oltre a un'ampia selezione di velivoli Caproni (molti dei quali del periodo pionieristico, in tutto il mondo considerati in assoluto i più rari e affascinanti) il Museo contiene molti apparecchi realizzati da altre ditte italiane ed estere, quasi sempre esemplari unici. Numerose le proposte didattiche a disposizione degli insegnanti. Eccone alcune:
IL VOLO: DAL SOGNO ALLA REALTA' 
(scuole medie)
Quanti tentativi ha compiuto l’uomo prima di costruire una “macchina volante”? La lettura appropriata delle collezioni con il sussidio di schede didattiche permetterà di seguire l’avvincente cammino della conquista del cielo da parte dell’uomo. Attraverso l’analisi delle opere condotte dall’Ing. Gianni Caproni è del suo ruolo di primissimo piano come progettista dei velivoli, si scoprirà come veniva costruito un aereo agli inizi del Novecento, dai primi biplani fino ai tentativi di esplorazione dello spazio.
INSEGUENDO UN SOGNO (scuole medie)
Icaro, Leonardo Da Vinci, Besnier, Lilienthal, Wright hanno inseguito il sogno di volare… ma come e con quali mezzi? Mediante l’utilizzo di vari materiali e brevi filmati verranno riproposti questi primi esperimenti, più o meno fortunati, che hanno permesso di raggiungere innovazioni e progressi nel campo dell’aeronautica.
DAGLI ALBORI DEL VOLO ALLO SPAZIO (scuole superiori)
Visita guidata approfondita con l’ausilio di schede storiche e tecniche relative ai personaggi che hanno fatto la storia dell’aviazione, dai primordi fino ai nostri giorni. Un divertente filmato storico degli anni ’20, girato dallo stesso Gianni Caproni intitolato: Come si costruisce un aereo, completerà questo viaggio a ritroso negli anni.
AEREI DI TELA (scuole medie e istituti superiori)
Alcuni aerei erano e sono tuttora costruiti utilizzando semplicemente ago, filo e stoffa. Seguendo le diverse fasi di intelaiatura, sarà possibile realizzare una vera ala di aereo in legno e tela.
SEDUTO AI COMANDI DI UN AEREO (scuole medie e istituti superiori)
Grazie ad un programma di simulazione di volo e possibile sperimentare al computer le fasi di decollo, volo e atterraggio all'Aeroporto di Trento – Mattarello. Si illustreranno gli strumenti presenti sul velivolo e si potrà scoprire che gli aerei si pilotano non solo con le mani ma, anche con i piedi!
AEROPITTURA (scuole elementari, medie e superiori)
“Il mondo visto dall'alto, da un aereo in volo, mentre decolla, vira a destra, a sinistra, sale, scende, si inclina, cabra, rolla su di un lato o l’altro per poi scendere in picchiata…”. Gli aeropittori sperimentano il volo in prima persona per poter fissare sulla tela paesaggi in continuo mutamento, dove frammenti di cielo e di terra si fondono in un caleidoscopico movimento di forme e colori. Un filmato farà rivivere ai ragazzi queste emozioni che verranno trasportate su di una tela con diverse tecniche pittoriche (collage, frottage, acquarello e tempera), realizzando cosi piccoli “cieli in movimento”.

Video

MUSEO DELL'AERONAUTICA GIANNI CAPRONI A TRENTO

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto