Menu
Le gite scolastiche, che spettacolo !

Riscopriamo Roma, la Capitale d'Italia, la "caput mundi" dei Latini, crocevia delle religioni

LA BASILICA DI SAN PIETRO IN VATICANO LA BASILICA DI SAN PIETRO IN VATICANO

Il territorio di Roma pullula di presenze divine, a tal punto che si incontra più facilmente un Dio che un uomo: scriveva così Petronio nel primo secolo dopo Cristo. Lo stesso potremmo dire oggi, riferendoci ai luoghi di culto che si incontrano passeggiando nella Città Eterna; per questo vogliamo proporre un itinerario per scoprire il fascino delle Chiese, delle Moschee e delle Sinagoghe, testimonianza della forte presenza delle grandi religioni monoteiste nella Capitale italiana. Iniziamo dalle quattro patriarcali: la Basilica di San Giovanni in Laterano, Cattedrale della città, che fino al XIX secolo ha visto, al suo interno, le incoronazioni di tutti i Papi; la Basilica di San Pietro in Vaticano, che ha preso la sua forma attuale nel Rinascimento e che ha l’altare principale nel punto in cui, a seguito di scavi effettuati nel XX secolo, è stata trovata la tomba di San Pietro; lungo la Via Ostiense incontriamo la Basilica di San Paolo fuori le Mura che si erge sul luogo che la tradizione indica come quello della sepoltura dell’apostolo Paolo. Da qualunque punto di Roma è visibile il campanile più alto della città, quello della Basilica di Santa Maria Maggiore che, oltre ad ospitare tesori artistici di inestimabile valore, conserva, presso l’altare principale, la tomba del Bernini; nei pressi del Cimitero del Verano si trova la Chiesa di San Lorenzo fuori le Mura, con la tomba risalente al periodo paleocristiano e medievale; dal Laterano si arriva alla Chiesa di Santa Croce in Gerusalemme, sede dei palazzi dell’imperatrice romana Elena. Terminiamo il nostro percorso ai luoghi di culto della religione cristiana con la visita alla Chiesa di San Sebastiano fuori le Mura, sull'Appia Antica, ricca di catacombe.
Proseguiamo il nostro percorso alla scoperta dei punti di incontro dei fedeli delle altre grandi religioni monoteiste e ci avviciniamo al centro della città. Tra il Campidoglio, sede del Comune, ed il Gianicolo, luogo delle più aspre battaglie risorgimentali, si erge imperiosa la Sinagoga di Roma, il più grande Tempio d’Europa, che rappresenta, per gli oltre 15.000 ebrei romani, non solo un luogo di preghiera ma un punto di riferimento culturale dal forte valore simbolico. La costruzione, infatti, risalente ai primi anni del XX secolo, è stata inaugurata nel 1904 come celebrazione della conquista della libertà dal potere temporale dei papi, che aveva costretto gli ebrei a vivere nel ghetto. Il Tempio, visibile da tutti i punti panoramici della città, si presenta come un edificio eclettico, che vede fondersi stili Liberty e stili babilonesi che richiamano l’origine mediorientale della religione. Sull'edificio troviamo vari simboli (la menorah, le tavole della legge, rami di palma) e versetti della Scrittura in ebraico che esaltano la sacralità del luogo. Sono più di dieci le altre Sinagoghe presenti a Roma, ma è al Tempio d’Europa che fanno capo tutti gli organismi religiosi ed amministrativi che regolano la vita della comunità ebraica nella capitale italiana.
Terminiamo il nostro viaggio tra i luoghi sacri della Città eterna spostandoci nella zona nord della città, ai piedi dei monti Parioli; qui troviamo la Grande Moschea di Roma, nonché sede del Centro Culturale Islamico d’Italia, che è stata inaugurata il 21 Giugno 1995. L’edificio, in grado di ospitare migliaia di fedeli, è il più grande d’Europa (e non solo) rappresenta, il venerdì e durante il Ramadan, il punto di incontro dei fedeli che vi pregano e assistono alle prediche dell’Imam, ma è il luogo in cui si celebrano matrimoni secondo il rito islamico, in cui il giovedì mattina si accettano le conversioni e, infine, si assistono i parenti dei musulmani deceduti in Italia, sia per i funerali di coloro che vanno sepolti in questo Paese che per il rimpatrio della salma verso quello di origine. Il Centro Islamico annesso alla moschea offre, ogni giovedì e sabato mattina, corsi di arabo e organizza incontri di esegesi coranica (due volta la settimana) o convegni su diversi temi che riguardano l’Islam. E' dotato di una ricca biblioteca aperta agli studiosi e a tutti coloro che vogliano avvicinarsi alla cultura araba. Svolge poi diverse funzioni tra le quali certificare la carne halal oppure costituire ogni anno la commissione di osservatori religiosi che dichiarano l’inizio del Ramadan, come stabilito dal Corano. Ma numerose altre Moschee sono presenti in città, così come templi buddisti, induisti...

1 commento

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto